Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

Ricordo e partecipazione al dolore di tutti i profughi

Come tutti gli anni, ho partecipato il 10 febbraio ad Albate alla cerimonia in Ricordo delle foibe, un momento della nostra storia dolorosissimo che ho vissuto indirettamente quando abitavo a Novara e arrivarono molte persone dall’Istria, accolte in case, nel villaggio Trieste, tanti ragazzi e ragazze, alte, capelli lunghi, arrivarono a scuola… ricordi di infanzia.

Negli anni poi tanti dubbi: perché questo momento storico non è mai stato compiutamente e serenamente  analizzato? Le tante persone infoibate dalle milizie di Tito, gente che ha dovuto lasciare la terra dove era nata e vissuta; il periodo dal 1943 al 1945, con tanti slavi chiusi nei campi di concentramento ideati dal regime fascista. Violenza che genera violenza.

Perché si è sempre “lasciato” le riflessioni di questo periodo drammatico ad una  sola parte culturale e politica, e non a tutto il nostro paese?

Ricordo ancora quello che successe quando l’Anpi di Como, anni fa, propose un dibattito su quel periodo; la Giunta comunale, di centro-sinistra, non concesse la sede della ex Circoscrizione di Albate, per quel dibattito. Perché?

Ma quello che mi ha fatto riflettere il 10 febbraio ad Albate è il dramma di questi profughi che, giustamente, è stato più volte sottolineato.

Me lo ha sottolineato una signora, coi capelli bianchi, presente alla manifestazione.

I profughi della Dalmazia non sono forse quasi simili alla tante persone che devono lasciare ora le loro terre, in tante parti del mondo, a causa di guerre, violenze, o di mancanza di una vita dignitosa, condizionata da un sistema economico che crea in tanti parti del mondo, sempre più povertà?

E noi, ora. come ci rapportiamo con queste persone che sono giunte nelle nostre terre? Accogliendoli o, come spesso succede, contrastandoli?

Profughi di allora e profughi di oggi.

Occorrerebbe sempre ricordare la storia, e che non ci sono razze diverse; ci sono persone, uomini e donne di un solo mondo. Penso che davvero, e potrebbe essere la riflessione su quei tempi, occorre impegnarsi per un mondo di liberi ed uguali. [Luigi Nessi per ecoinformazioni]

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 febbraio 2018 da in immigrazione, memoria con tag .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

COOKIES/ Informativa per i lettori

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei social plugin. Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione anche semplicemente scrollando si presta il consenso all'uso dei cookie. Clicca sull'immagine per leggere l'informativa sui cookies.

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: