Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

O accoglienza o barbarie/ La Cgil contro la Lega che vuole rispedire a casa chi chiede asilo

La Cgil di Como con un comunicato dal titolo “I richiedenti asilo non possono essere rispediti a casa, pericoloso soffiare sul fuoco dell’intolleranza” censura le dichiarazioni contro i diritti umani e le leggi italiane e europee della segretaria della Lega Nord comasca. Leggi il comunicato.

«I cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale presenti sul territorio comasco non possono essere “rispediti a casa”, come dichiara la segretaria cittadina della Lega Nord Alessandra Locatelli. In attesa dell’eventuale riconoscimento dello status di rifugiato, di protezione sussidiaria o tutela umanitaria, il migrante deve trovare una risposta di accoglienza dignitosa e qualificata. Qualsiasi azione differente andrebbe a ledere i diritti dell’individuo,manddecisi dalla legislazione europea (regolamento di Dublino e convenzione di Ginevra).

La città ha già risposto positivamente all’emergenza della scorsa estate, dispiegando un coordinamento tra forze istituzionali e realtà dell’associazionismo (Cgil compresa) che, passata la prima fase, tenta di tradurre queste buone pratiche in azioni di medio termine. L’emergenza umanitaria che vede in prima linea il nostro paese si affronta con politiche dell’accoglienza e dell’integrazione, per le quali una città di confine e frontiera come Como deve essere naturalmente vocata.

Si devono quindi mettere in atto ulteriori sforzi per completare i bisogni di posti letto necessari e previsti dal bando della Prefettura di Como, 2100 a fronte di un’offerta attuale di 1489. Risulta incomprensibile come, prima di eseguire la fase istruttoria necessaria, si possa stabilire se un migrante rientra in una delle classificazioni meritevoli di tutela internazionale. Nel corso di questa fase il migrante ha diritto ed è autorizzato a permanere sul territorio.
Riteniamo infine pericoloso e deleterio soffiare sul fuoco dell’intolleranza, ingenerando un clima di sospetto e di paura. Chi si riconosce dentro un quadro istituzionale, e sta per essere chiamato ad assumere cariche pubbliche nell’amministrazione cittadina, non può farsi interprete di istanze che, visto il quadro legislativo nazionale ed europeo, risultano oggi eversive. Siamo certi che la risposta del territorio sarà ancora una volta improntata ai valori di dignità e civiltà già dimostrati in passato». [Matteo Mandressi, segreteria Cgil Como, responsabile politiche dell’immigrazione].

2 commenti su “O accoglienza o barbarie/ La Cgil contro la Lega che vuole rispedire a casa chi chiede asilo

  1. ecoinformazioni
    6 luglio 2017

    L’ha ribloggato su comosenzafrontiere.

  2. Voi che vivete sicuri
    Nelle vostre tiepide case,
    voi che trovate tornando a sera
    Il cibo caldo e visi amici:
    Considerate se questo è un uomo
    Che lavora nel fango
    Che non conosce pace
    Che lotta per mezzo pane
    Che muore per un sì o per un no.
    Considerate se questa è una donna,
    Senza capelli e senza nome
    Senza più forza di ricordare
    Vuoti gli occhi e freddo il grembo
    Come una rana d’inverno.
    Meditate che questo è stato:
    Vi comando queste parole.
    Scolpitele nel vostro cuore
    Stando in casa andando per via,
    Coricandovi alzandovi;
    Ripetetele ai vostri figli.
    O vi si sfaccia la casa,
    La malattia vi impedisca,
    I vostri nati torcano il viso da voi.
    (Primo Levi, Se questo è un uomo, 1947)

    Uomini e donne, quindi, defraudati delle loro caratteristiche umane e rimasti soli, tristi particelle corporali da vivisezionare: il lager ha rubato l’anima è ha lasciato solo corpi sofferenti.

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 6 luglio 2017 da in diritti, immigrazione, Politica con tag , .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Ecoattivi

Sostengono ecoinformazioni

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: