Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

Migrazioni/ I sommersi e gli scomparsi

Del fenomeno delle migrazione, delle condizioni delle persone costrette ad abbandonare le terre d’origine per affrontare viaggi spesso drammatici e spesso addirittura senza meta, continuiamo a sapere troppo poco.

È questa, amaramente, la prima morale che possiamo trarre dall’incontro organizzato nella serata del 12 maggio da Como senza frontiere con Imed Soltani, rappresentante dell’associazione tunisina “La terre pour tous”. Con la collaborazione di Alida Franchi, di ecoinformazioni, Imed ha portato all’attenzione del poco pubblico presente all’Oratorio di Rebbio, una realtà tuttora ignorata, ovvero quella delle molte persone scomparse dopo la perigliosa traversata del Mediterraneo, già giunti sul territorio europeo (italiano, nella maggior parte dei casi). Di queste persone, per la maggior parte giovani uomini emigrati dalla Tunisia alla ricerca di migliori condizioni di vita e di lavoro, si è a volte in grado di documentare l’arrivo in Italia, ma poi le loro tracce si perdono. Non è facile farne una valutazione quantitativa precisa, Imed calcola che possano essere, negli ultimi anni, non meno di millecinquecento, anche se le persone ufficialmente iscritte nel registro dei dispersi sono poco più di cinquecento. Del loro destino si ignora quasi tutto: potrebbero essere naufragate, oppure disperse nelle operazioni di rimpatrio forzato, oppure inviate “per errore” in Libia o in Siria, o ancora vittime della criminalità organizzata o dello sfruttamento selvaggio.

Per tutte queste persone l’associazione, formata dai loro parenti, chiede la ricerca della verità sul loro destino, ma né il governo tunisino né quello italiano si sono finora impegnati in questa ricerca, e nemmeno hanno consentito all’istituzione di una commissione di inchiesta che si sforzi di far luce su queste drammatiche vicende. “Non hanno alcuna intenzione di assumersi la minima responsabilità al riguardo” ha più volte ricordato Imed Soltani, ignorando che queste tragedie sono frutto solo della politica dei muri, eretti incredibilmente anche in mezzo al Mediterraneo, eretti contro le persone e a favore delle merci.

L’impegno di Imed Soltani e dell’associazione “La terre pour tous”, attiva dal 2011, continua in questi giorni nell’ambito della Carovana migranti, che attraversa l’Italia da Torino a Palermo.

[Fabio Cani, ecoinformazioni]

Presto on line sul canale di ecoinformazioni tutti i video del racconto di Imed Soltani.

Imed Soltani

Alida Franchi e Imed Soltani

Un commento su “Migrazioni/ I sommersi e gli scomparsi

  1. ecoinformazioni
    13 maggio 2017

    L’ha ribloggato su comosenzafrontiere.

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 maggio 2017 da in como, immigrazione con tag , , , .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Ecoattivi

Sostengono ecoinformazioni

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: