Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

28 e 29 aprile/Ancora nessuna risposta sul Drop in/ La Como solidale per l’Accoglienza vera

Lo avevano detto nella precedente assemblea e lo hanno riconfermato nell’incontro della Como solidale del 21 aprile: non è possibile lasciare che la disponibilità offerta dalla Bella Como per trasformare la struttura comunale inutilizzata dell’ex Drop in un luogo di accoglienza urgentemente necessario per chi è costretto a dormire in strada non abbia risposta da parte del Comune. Per sostenerla è stato deciso un presidio di 24 ore dalle 8 alla 20 venerdì 28 e sabato 29 aprile in via Virginio Bertinelli avanti a Palazzo Cernezzi. Se infatti sono in strada persone che non trovano un’accoglienza vera la Bella Como, che già nell’estate scorsa ha saputo offrire anche insieme a Firdaus e ad altre organizzazioni svizzere solidarietà e accoglienza, sarà in strada tutto il tempo necessario per avere risposte dalle istituzioni. Il documento, che riportiamo integralmente, non lascia dubbi sulla volontà della Como solidale di collaborare con il Comune e neppure sul fatto che sia richiesta con forza una risposta concreta e in grado di affrontare il problema prima che «malfattori politici, criminali e razzisti» strumentalizzino la sofferenza di tante persone. Leggi nel seguito il testo già sottoscritto da Como senza frontiere, Gruppo volontari Sant’Eusebio, Migranti e sanità, Osservatorio giuridico per i diritti dei migranti.

«Noi siamo Como, noi siamo cittadini e cittadine della città, noi siamo associazioni, organizzazioni sindacali, politiche, culturali, religiose, singole persone. Il Comune di Como è il nostro Comune. Le istituzioni di Como sono nostre, il patrimonio pubblico della città è un bene Comune. Per questo vogliamo che le istituzioni, il Comune prima di tutte, affronti il tema dei diritti umani della persone costrette a bivaccare in strada giorno e notte. Sono persone, non numeri, e noi non possiamo rimanere indifferenti perché se non ci accorgessimo dell’assoluta gravità del problema rinunceremmo all’idea stessa della nostra civiltà.

Per questo determinati a collaborare con il nostro Comune e con chi lo amministra abbiamo offerto alla Giunta Lucini la nostra disponibilità per rendere utilizzabile una proprietà comunale del tutto inutilizzata che potrebbe dare sollievo ad alcune decine di persone che con la chiusura dei dormitori sono costrette a dormire in strada. Dare soluzione a tale problema, nella consapevolezza che esso diventerà nei prossimi mesi sempre più grave, è un dovere per le istituzioni, per noi, per tutti.
Purtroppo nonostante la Rete Como senza frontiere si dichiari disponibile ad accollarsi tutte le spese dell’intervento e la Bella Como si sia detta pronta a gestire la struttura da assegnare all’Arci provinciale come capofila del progetto, nulla accade. Il 10 Aprile abbiamo scritto ancora una volta al sindaco, manifestato avanti al drop in, ma non abbiamo ricevuto ancora alcuna risposta ufficiale. I diritti non aspettano le elezioni, le persone devono dormire, avere a disposizione i servizi igienici e le docce, tutti i giorni, tutte le notti. La nostra città che ha una tradizione millenaria di civiltà non può essere ancora esposta alla vergogna dei bivacchi e di persone deprivate dei fondamentali diritti, lasciate a se stesse, costrette al degrado. Noi non ci stiamo, richiamiamo il Comune alla necessità di dare una risposta alle nostre offerte o di provvedere diversamente. Ma non possiamo tollerare che si attenda che le persone in strada da centinaia diventino migliaia innescando altre sofferenze, disagi per tutti e dando forza a malfattori politici, criminali e razzisti.

Saremo presenti a turno dalle 8 alle 20 dei giorni 28 e 29 Aprile avanti al Municipio di Como (ingresso di via Bertinelli/viale Lecco) per rendere evidente e presente, l’assoluta urgenza di un atto concreto dell’amministrazione. Sono in gioco vite e diritti. Riteniamo che non sia possibile attendere ancora e chiediamo con la forza del nostro impegno solidale alla nostra amministrazione comunale di decidere e di agire». [Como senza frontiere, Gruppo volontari Sant’Eusebio, Migranti e sanità, Osservatorio giuridico per i diritti dei migranti]

Un commento su “28 e 29 aprile/Ancora nessuna risposta sul Drop in/ La Como solidale per l’Accoglienza vera

  1. ecoinformazioni
    23 aprile 2017

    L’ha ribloggato su comosenzafrontiere.

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27 aprile 2017 da in diritti, immigrazione con tag , , .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Ecoattivi

Sostengono ecoinformazioni

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: