Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

Diritti umani/ Il dramma del 10 dicembre dentro e fuori il Campo governativo

8 COMOCOMUNECon una preliminare Celeste Grossi (Paco-Sel) ha ricordato al Consiglio comunale del 12 dicembre come l’impegno per dare valore alla Giornata mondiale dei diritti umani bisogna partire dall’azione nei territori e a Como proprio il 10 dicembre un ragazzo ha tentato il suicidio nel Campo governativo e all’esterno del Campo 74 migranti non hanno trovato altro che un’accoglienza fredda. Il tema è stato ripreso  da Luigi Nessi (Paco-Sel) che ha anche ricordato la fuga dalla guerra di interi popoli e ha chiesto l’impegno per la drammatica situazione di Aleppo e per la Pace in Siria del Coordinamento nazionale degli Enti locali per la Pace e i Diritti umani e ha chiesto a Mario Forlano, presidente del Coordinamento comasco per la Pace, di farsi portavoce dell’appello nel Convegno A piedi liberi del 17 e 18 dicembre allo Spazio Gloria. Sulle questioni relative ai minori al Campo governativo è intervenuto anche Bruno Magatti, assessore alla Politiche sociali, che ha dichiarato che la lettera inviata a Renzi e Alfano dovrà essere reiterata agli esponeti del nuovo governo.

 «Non mi piacciono le ricorrenze. L’attenzione per i diritti umani confinata in un unico giorno dell’anno rischia di occultare l’intreccio tra violazione dei diritti, discriminazioni, violenze, guerre, povertà e di far perdere di vista la forza e il desiderio di chi lotta tutti i giorni per costruire un mondo accogliente per tutte e tutti.

«Il 2016 è stato un anno disastroso per i diritti umani nel mondoSi rischia di azzerare l’insieme di protezioni messe in atto dopo la seconda guerra mondiale» ha dichiarato Zeid Ràad Al Hussein alto Commissario Onu per i diritti umani

Viviamo in un tempo di grandi tensioni, conflitti, preoccupazioni, paure. Siamo di fronte a problemi complessi – sociali, economici, ambientali, politici – che riguardano l’intero pianeta, compresa la nostra città. Disuguaglianze e ingiustizie che non trovano un adeguato impegno di coloro che hanno la responsabilità di intervenire. Problemi per troppo tempo ignorati o sottovalutati: povertà, mancanza di casa e di lavoro, inquinamento, cambiamento climatico, guerre che donne, uomini, ragazzi e ragazze, costretti a migrare, portano alle porte delle nostre “tiepide case”.

«Dove iniziano i diritti umani universali? In piccoli posti vicino casa: […] il quartiere dove si vive, la scuola frequentata, la fabbrica, l’ufficio dove si lavora. Questi sono i posti in cui ogni uomo, donna o bambino cercano uguale giustizia, uguali opportunità, eguale dignità senza discriminazioni. Se questi diritti non hanno significato lì, hanno poco significato da altre parti. In assenza di interventi organizzati di cittadini per sostenere chi è vicino alla loro casa, guarderemo invano al progresso nel mondo più vasto. Quindi noi crediamo che il destino dei diritti umani è nelle mani di tutti i cittadini in tutte le nostre comunità». Ha detto Eleanor Roosevelt.

A Como nella serata del 10 dicembre un ragazzo ha tentato il suicidio al Campo di via Regina Teodolinda; alle 2 di notte sono stati censiti per strada 74 migranti di cui 6 donne, 2 con figli e 4 minori che si aggiungono ai tanti italiani senza fissa dimora. Restiamo umani, restiamo umane». [Celeste Grossi, Paco-Sel)

Un commento su “Diritti umani/ Il dramma del 10 dicembre dentro e fuori il Campo governativo

  1. ecoinformazioni
    12 dicembre 2016

    L’ha ribloggato su comosenzafrontiere.

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12 dicembre 2016 da in Consiglio comunale, diritti con tag , , , .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: