Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

Filippo Andreani, Sench e Zerocalcare… e il Gloria si riempie

DSCN8244.JPGPrendi un musicista attivo da anni nel comasco, un musicista attivo  da più anni nel comasco, e un fumettista capace di dar voce a un’intera generazione con il solo aiuto di matite e inchiostro nero. Prendi il quasi-decenne spazio Gloria, riaperto nel 2007 non più (solo) come sala proiezioni, ma anche come centro polifunzionale (e polo magnetico della cultura alternativa della città), e spera che basti a contenere la folla.

“Affinità – Divergenze tra ZEROCALCARE e FILIPPO ANDREANI del conseguimento dell’età di SENCH”, parte seconda dell’iniziativa Occupy Gloria, che si è tenuta la sera di venerdì 21 ottobre, è stata un successo non del tutto inaspettato, ma certamente incoraggiante, considerando che dall’altro lato della strada stava (ri)aprendo i battenti il grande multisala che è impossibile non notare risalendo la via Varesina.
L’incontro non prevedeva una scaletta, come anticipato da Sandro Sench Bianchi dei Potage, che ha aperto la serata leggendo per intero la lettera aperta scritta da Fabio Gabaglio alla notifica di un foglio di via con il suo nome, mentre Zerocalcare disegnava una vignetta per Gabaglio stesso: un corteo di persone arrabbiate che portavano uno striscione con la scritta “NO FOGLI DI VIA”. Un altro cartello, più piccolo, è stato lasciato bianco fino alla fine, per poi essere riempito dalle parole “TRANNE AL GABA”, scritte però dalla mano di Filippo Andreani.

DSCN8289.JPG

L’ironia è rimasta il filo conduttore del dialogo tra il cantautore nostrano e il fumettista romano: gli Atarassia Gröp, gruppo punk comasco di cui Andreani è stato voce e penna, sono un riferimento musicale molto caro a Zerocalcare e questo ha gettato le basi per l’amicizia tra i due. Il primo, estroverso e sfacciato, ha lanciato numerose frecciate tra una domanda e l’altra al secondo, visibilmente più riservato, ma certo non meno pungente. Zerocalcare, al secolo Michele Rech, classe 1983, romano de Roma e precisamente de Rebibbia, preferisce parlare attraverso le proprie vignette che sul palcoscenico, e non è abituato ad allontanarsi dalla propria città per più di due o tre giorni. Unica eccezione il viaggio a Kobanê, Rojava, nel 2014, esperienza da cui è nato il reportage a fumetti “Kobane Calling”, realizzato per Internazionale e poi stampato da BAO Publishing. A Kobanê, la creazione artistica non è stata il fine ma piuttosto “il mezzo”: la causa curda aveva colpito Zerocalcare già dalla visita a Roma di Abdullah Öçalan, leader del PKK, nel 1998; sedici anni dopo la situazione in Rojava si era fatta incandescente, e così Michele, come altri, si è recato sul posto di persona per fornire assistenza ai curdi, con l’aiuto della testata “Internazionale” con la quale stava collaborando.

Filippo Andreani e Zerocalcare potranno avere caratteri diversi, ma sono entrambi artisti, e come tali presentano affinità, oltre che divergenze. Attraverso la creazione artistica, essi fanno “uscire fuori delle cose” nelle parole di Andreani, attivando percorsi di consapevolezza e memoria. Questo è vero nel caso di “Kobane Calling”, che ha significato per Zerocalcare un insolito allontanamento dalle radici, così come è vero per “La Storia Sbagliata” (Nodo Libri, 2010), album di Filippo Andreani che narra la vicenda dei partigiani Luigi Canali e Giuseppina Tuissi, meglio noti come “La Gianna e il capitano Neri”, in cui le radici funzionano come un richiamo. I percorsi dei due (Filippo Andreani e Zerocalcare) si incrociano anche per quanto riguarda il rapporto tra ambizioni, vocazione e professione: l’uno “è nato per la musica”, e ogni canzone suonata in serata acquisisce nel suo vissuto un preciso significato, ma non potrebbe – ammette – farne una professione a tempo pieno, l’altro si è guadagnato un posto d’onore nell’universo del fumetto, quando per anni aveva sognato di fare il paleontologo. Diverse anche le fonti di ispirazione: mentre Filippo Andreani attinge al patrimonio storico di Como e dintorni, o a riferimenti personali e concreti (come il calcio), la genialità di Zerocalcare, che ha una formazione artistica a lui contemporanea, sta nel riassumere in poche tavole situazioni quotidiane, ma portatrici di un’intensa carica emotiva, spesso repressa o sublimata, non per questo meno violenta di uno schiaffo, anzi. Forse questa diffusa identificazione dei lettori in uno stile anticonvenzionale, e al tempo stesso eloquente, ha fatto di Zerocalcare,  condivisione dopo condivisione, “il profeta di una generazione”.

Nell’era dei social media, il concetto stesso di condivisione acquisisce un significato e un  impatto molto forti. Al di là della funzione share, comunque, rimane l’accezione tradizionale del termine. Venerdì sera, erano persone vere quelle che hanno riempito lo spazio Gloria, sul palcoscenico e in platea fino alla fine della serata (animata musicalmente da Sench anche alla fine dell’incontro), condividendo una serata interessante e dispiegando tutta la potenzialità dello spazio Gloria come area di ritrovo, intrattenimento e approfondimento. Le carte ci sono tutte, e si è visto. Per sostenere il progetto, tuttavia è necessaria un’azione sinergica, che passi dalla partecipazione alla condivisione – appunto – e viceversa. [Alida Franchi, ecoinformazioni]

Guarda la galleria di foto di Alida Franchi

Informazioni su Alida Franchi

classe 1990, di Como, non sempre "a" Como. Mi interesso di arti e politica internazionale. Scrivo, fotografo e disegno.

Un commento su “Filippo Andreani, Sench e Zerocalcare… e il Gloria si riempie

  1. Alida Franchi
    22 ottobre 2016

    L’ha ribloggato su alidafranchi.

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22 ottobre 2016 da in Senza Categoria.

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.071 follower

Contatti ricevuti

  • 737,243 hits

ecofacebook

Ecoattivi

Sostengono ecoinformazioni

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: