Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

Campo governativo da non soluzione a problema

cassonettie-eprofughi-criSi sapeva fin dall’inizio che il Campo governativo dato in gestione a Croce rossa e Caritas non sarebbe stata una soluzione, ma solo un momentaneo rifugio, senza neppure avere progettato qualcosa di più funzionale. Si era detto che come a Ventimiglia il campo sarebbe stato temporaneamente accogliente per tutti e solo dopo un certo numero di giorni le norme di accesso sarebbero diventate più rigide. Ora, mentre ancora permane la cortina fumogena che lo oscura (neppure i consiglieri comunali possono accedervi) e la mancanza di comunicazioni ufficiali sulle regole che vigono nel campo, nonostante la legalità sia possibile solo con la certezza del diritto, si susseguono i report di volontari che tentano di fornire dall’esterno un’immagine delle segrete cose decise per esso. E confermano che la “luna di miele” è finita. 

Tra queste riportiamo la comunicazione apparsa su fb il 1 ottobre (ma confermata da voci già raccolte nella notte tra il 30 e il primo) a firma di una delle persone attive per i diritti dei migranti. Si tratta di una fotografia non confermata dalle autorità ma del tutto plausibile. Attenzione però nulla vieta che in questa situazione lontana dalla razionalità e dal diritto le norme possano cambiare ancora. Rimanendo tuttavia sempre segrete.

«Ingresso dei migranti nel Campo: Nuove disposizioni: serata del 30/09/2016
da informazioni raccolte direttamente al cancello del Campo (ore 22 circa del 30/09/2016) direttamente dagli operatori della CRI e dagli agenti di P.S. presenti:
da ieri sera (non si sa fino a quando) su disposizione della prefettura: entrano solo:
1) adulti muniti di badge
2) minorenni (anche se senza badge)
3) donne incinta (anche senza badge)
4) famiglie (ossia adulti che accompagnino un minorenne; anche senza badge).
che si presentino entro le ore 22,30

Chiunque non rientri queste categorie, non viene ammesso al campo.

In base a questa disposizione, ieri sera sono state respinte all’accesso una decina di persone.
A queste persone non sono state date indicazioni su dove poter andar a dormire (gli operatori hanno affermato di aver ricevuto istruzioni in merito).

Inoltre:
sempre secondo le dichiarazioni degli operatori della CRI e dalla P.S., da ieri (non si sa fino a quando):
le nuove richieste dei pass per accedere al Campo (mediante foto/nome/data di nascita) andranno rivolte direttamente alla Questura c/o Ufficio Stranieri (ufficio deputato da ieri al rilascio dei pass per gli ingressi nel Campo).

Non ci è stato reso noto né il motivo di quest»e scelte né la durata delle stesse (gli operatori affermano di aver ricevuto queste disposizioni dalla prefettura)». [da fb di un voontario]

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 1 ottobre 2016 da in immigrazione con tag , .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.076 follower

Contatti ricevuti

  • 751,873 hits

ecofacebook

Ecoattivi

Sostengono ecoinformazioni

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: