Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

Per i minori stranieri non accompaganati nel 2016 il Comune ha già investito 824 mila euro

bruno magattiL’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati è competenza, con grandi oneri, del Comune e l’assessorato alle politiche sociali sottolinea l’entità e la qualità dell’impegno dell’amministrazione con un investimento a carico delle casse comunali di più di 800 mila euro per il solo periodo gennaio-settembre 2016. E a chi chiede di riaprire il centro Puzzle, chiuso per il mancato rispetto dei requisiti richiesti per la struttura, l’assessore alle Politiche sociali Bruno Magatti risponde che è impossibile farlo finché non si sarà concluso il contenzioso e sarà possibile fare un nuovo bando per assegnare il servizio. Leggi nel seguito il testo integrale della comunicazione firmata dall’assessore e da Franca Gualdoni, dirigente del settore Politiche sociali del Comune di Como, che illustra l’attenzione del Comune al tema minori stranieri non accompagnati, smentendo «affermazioni inesatte e soprattutto fuorvianti».

«In questi giorni sono ricorrentemente diffuse affermazioni del tutto inesatte e soprattutto fuorvianti in merito all’accoglienza da parte del Comune di Como di minori stranieri non accompagnati.

Per un’informazione corretta e per riguardo del lavoro che gli uffici del Settore Politiche sociali svolgono in sintonia con Questura e Polizia di frontiera, è opportuno ribadire che identificazione e verifica dell’effettivo status di Minore straniero non accompagnato è di competenza delle suddette autorità: tale passaggio è cruciale e indispensabile ai fini dell’esercizio dei diritti di cui ogni minore è portatore e per consentire all’Ente locale di dare avvio agli interventi di protezione e di tutela nei suoi riguardi.

Le Autorità competenti, sulla base di un accordo territoriale, tenuto conto della situazione creatasi nelle settimane passate in seguito ai respingimenti alla frontiera , hanno sempre provveduto al loro collocamento in strutture territoriali che si sono rese disponibili alla pronta accoglienza. La gran parte dei minori collocati si sono però allontanati volontariamente dalle strutture, entro le 24/ 48 ore dall’inserimento. Il comune di Como, attraverso i propri uffici, ha provveduto, avendo da tempo adottato tale criterio ritenuto il più adeguato ai bisogni di queste persone, ad individuare Comunità educative accreditate per l’accoglienza di minori, a predisporne il collocamento e ad avviare le procedure per garantire loro la regolarizzazione della presenza sul territorio mediante la nomina di un tutore, l’assistenza sanitaria, il permesso di soggiorno, il rilascio del codice fiscale, l’iscrizione scolastica o a corsi di alfabetizzazione.

Dal mese di giugno ad oggi il Comune di Como ha provveduto al collocamento in Comunità educative di ben 55 minori e, attraverso i propri operatori, continua a monitorare il progetto educativo-formativo individuato in relazione all’età, alle capacità e alle aspettative di ciascuno, oltre che ad attivare ogni intervento utile al loro benessere psico-fisico e le procedure per coloro che intendono presentare richiesta d’asilo o di ricongiungimento familiare, in presenza dei presupposti.

Al momento, ai 55 minori accolti nell’ultimo trimestre si aggiungono altri 29 minori foto-segnalati dalla Questura di Como da gennaio a maggio. Ciò comporta un impegno economico che, per il periodo gennaio-settembre, ammonta a € 1.647.805,00, salvo ulteriori inserimenti. Oltre il 50% della suddetta somma è a carico del bilancio comunale; il Ministero, infatti, riconosce un contributo pro-capite die di € 45,00, di gran lunga inferiore alle rette applicate dalle Comunità educative. Tutto il personale operante nel Settore è sempre a disposizione per fornire informazioni e indicazioni utili ai cittadini che consentano loro di avere una corretta informazione sulle competenze, i progetti in essere e le modalità di gestione degli interventi». [Bruno Magatti, assessore alle Politiche sociali e Franca Gualdoni, dirigente del settore Politiche sociali del Comune di Como]

Un commento su “Per i minori stranieri non accompaganati nel 2016 il Comune ha già investito 824 mila euro

  1. ecoinformazioni
    10 settembre 2016

    L’ha ribloggato su comosenzafrontiere.

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 10 settembre 2016 da in immigrazione, Politica con tag , .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 3.097 follower

Contatti ricevuti

  • 776,016 hits

ecofacebook

Ecoattivi

Sostengono ecoinformazioni

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: