Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

Emergenza umanitaria/ Prc e Gc: no agli sgomberi e al “catering della protesta”

prcIl Prc provinciale comasco e i Giovani comunisti, in piena adesione con quanto indicato dalla rete Como senza frontiere, colgono con una nota ufficiale le tre principali questioni riguardanti l’emergenza umanitaria a Como San Giovanni: incalzare le istituzioni; evitare lo sgombero dei profughi; contrastare le velleitarie proposte di contromanifestazioni. Si tratta di un documento che pur nella sua brevità coglie i punti fondamentali della questione e esprime la necessità, largamente sentita dagli attivisti e dai volontari che si stanno prodigando per i diritti dei migranti in città, di non essere forzati a compiere che inevitabilmente li danneggerebbero. Leggi nel seguito il testo integrale del documento.

«L’emergenza migranti pone oggi tre questioni fondamentali.
La prima riguarda la necessità di incalzare in ogni modo le istituzioni locali e nazionali per raggiungere  in tempi rapidissimi l’obiettivo della creazione di un centro di transito delle persone migranti dotato di posti letto, mensa, servizi, docce e presidio sanitario realmente efficiente,realizzato con i mezzi della Croce Rossa e con la possibilità di intervento delle associazioni e dei singoli volontari, più adatti della Cri alla mediazione culturale e alla solidarietà umana.

La seconda riguarda le voci che da tempo si rincorrono circa la possibilità che, in concomitanza con il forum Ambrosetti di Cernobbio, qualcuno pensi bene di ‘ ripulire la stazione’sgomberando i profughi e la loro ‘fastidiosa presenza’.

È questa una eventualità che dobbiamo in ogni modo scongiurare.

Non vorremmo che, per onorare la presenza dei potenti della terra che esaltano la libera circolazione del denaro, si colpissero ulteriormente persone che, per il semplice accedente di essere nati in Africa, non godono del fondamentale diritto di libera circolazione.

Dobbiamo insistere in ogni modo per cercare di scongiurare un intervento repressivo di questo genere, anche a costo di sembrare inutilmente allarmisti.

La terza questione riguarda le velleitarie proposte di contro manifestazioni avanzate da soggetti provenienti da Roma, Milano e Bologna, che dovrebbero avvenire in concomitanza col forum Ambrosetti ai primi di settembre.

Respingiamo nuovamente come ha già fatto la rete “Como senza frontiere” nella riunione del 9 agosto questo invito per le seguenti ragioni:

Chi propone di manifestare non si preoccupa minimamente di chiarire contenuti sui quali manifestare, lasciandoci carta bianca, incaricandoci di avvisare la questura e promettendoci in cambio una massiccia presenza da tutta Italia per azioni dimostrative via terra e via acqua (sic) .

Questi professionisti del “catering della protesta” dimostrano di agire con il solo fine di guadagnarsi visibilità mediatica.

Per questo ci dissociamo fin d’ora da qualsiasi tentativo di strumentalizzare i migranti e la rete “Como senza frontiere”.

Il nostro compito deve essere invece quello di creare , insieme ad una presenza costante a fianco dei migranti, anche un rapporto di collaborazione con chi in Svizzera è contrario alle scelte del governo in materia di profughi.

Per diffondere una coscienza solidale e antirazzista dobbiamo incontrarci e intraprendere azioni comuni creando un forum delle città di frontiera». [Prc/Se, Giovani comunisti Como]

 

Un commento su “Emergenza umanitaria/ Prc e Gc: no agli sgomberi e al “catering della protesta”

  1. ecoinformazioni
    15 agosto 2016

    L’ha ribloggato su comosenzafrontiere.

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 15 agosto 2016 da in immigrazione, Politica con tag , , .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: