Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@gmail.com

Perché è importante un presidio sanitario per i migranti transitanti

manostazioneI rischi per la salute dei migranti transitanti possono essere conseguenti alla situazione sanitaria del Paese di origine o di quelli attraversati prima di arrivare in Italia e anche alle condizioni igienico sanitarie presenti nei centri di prima accoglienza spesso sovraffollati. Anche se è previsto che vengano sottoposti a primi accertamenti in questi centri, non è dato di sapere se questo è davvero avvenuto perché a queste persone non viene rilasciata nessuna certificazione che attesti lo stato di salute e , inoltre, molti scappano prima che gli esami vengano effettuati.

Nella situazione comasca abbiamo avuto il caso di un bambino con la malaria, contratta nel suo paese di origine, ma manifestatasi anche al suo arrivo alla stazione San Giovanni. Chiaramente la madre non aveva con se’ nessun farmaco ed è stato necessario portare il bambino in ospedale dove però non si è più ripresentato per proseguire le cure. Consideriamo inoltre che alcune malattie infettive, come ad es. la tubercolosi, può dare sintomi che  inizialmente possono essere sottovalutati e quindi la patologia potrebbe non essere diagnosticata. I rischi invece relativi alla permanenza in luoghi come la stazione San Giovanni e nel prato antistante, sono riconducibili essenzialmente alla promiscuità, alle cattive condizioni igieniche e all’esposizione a fattori climatici avversi (troppo caldo, pioggia, vento). Pertanto è molto probabile che queste persone contraggano infezioni gastro intestinali, respiratorie e di tipo dermatologico ( tipo scabbia e pidocchi). Ancora più a rischio e la situazione dei/delle bambini/e e dei/delle neonati/e, per i problemi di alimentazione non adeguata e per gli stessi rischi a cui sono esposti gli adulti, ma con una capacità di risposta immunitaria inferiore; delle donne incinte, che rischiano di partorire senza assistenza e in condizione di estrema precarietà dal punto di vista igienico o che potrebbero andare incontro a complicanze nel corso della gestazione. Difficilmente poi vengono presi in considerazione i rischi per la salute mentale, causati dalle sofferenze, dai traumi e dalle violenze subite durante il viaggio. Molti degli “ospiti” sono minorenni e dai loro racconti sono emerse storie di separazioni dalle famiglie, di esperienze di perdita di amici durante il viaggio, di periodi di isolamento e maltrattamenti soprattutto nei campi in Libia, di violenze sessuali subite.

A fronte di questa situazione sarebbe indispensabile un presidio sanitario permanente. Queste persone, soprattutto a causa del loro status giuridico (transitanti e quindi senza nessuna procedura in corso) e delle difficoltà di comunicazione, con fatica vengono convinte ad essere accompagnate al Pronto Soccorso o a rimanere in ospedale, se ricoverate. Spesso c’è bisogno  di un intervento sul campo e di cure continuative che solo la presenza di un presidio di prossimità può garantire. L’assistenza sanitaria è subordinata al possesso della certificazione Stp( soggetto temporaneamente presente) e questa può essere rilasciata solo da alcuni soggetti istituzionali del servizio sanitario pubblico. Per questo il coinvolgimento deil’Asst sarebbe fondamentale, anche in considerazione del comma 8 , art. 43 del P.R. 394/99 che prevede il compito da parte della Regione Lombardia di “individuare le modalità più opportune per garantire le cure essenziali e continuative che possono essere erogate nell’ambito delle strutture della medicina del territorio o nei presidi sanitari pubblici o privati accreditati, eventualmente in collaborazione con organismi di volontariato aventi specifica esperienza.” Purtroppo a tutt’oggi questa legge è stata solo parzialmente applicata e non in tutti i territori. Como è uno di questi è questa potrebbe essere l’occasione per attivare quella medicina d’iniziativa che, andando verso le persone, garantisce la tutela collettiva, oltre che risparmi economici. [Manuela Serentino, ecoinformazioni]

Un commento su “Perché è importante un presidio sanitario per i migranti transitanti

  1. ecoinformazioni
    23 luglio 2016

    L’ha ribloggato su comosenzafrontiere.

I commenti sono chiusi.

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23 luglio 2016 da in immigrazione, Salute, sanità con tag .

Arci ecoinformazioni

Circolo Arci ecoinformazioni via Lissi 6 22100 Como, tel. 327.4395884, ecoinformazionicomo@ gmail.com, www.ecoinformazioni.it. Registrazione Tribunale di Como n. 15/95 del 19.07.95. Direzione: Fabio Cani, Jlenia Luraschi, Andrea Rosso, Gianpaolo Rosso (responsabile). Proprietà della testata Associazione ecoinformazioni - Arci. Consiglio direttivo: Fabio Cani (presidente), Gianpaolo Rosso (vicepresidente), Jlenia Luraschi (tesoriera), Michele Donegana, Marisa Bacchin.

Ecoattivi

Sostengono ecoinformazioni

Benzoni gioielli Benzonibijoux

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: